Patataridens

Il blog della comicità al femminile

Il prosciutto sta su tutto… o quasi

E’ innegabile, ci sono cose che stanno su tutto: il blu sta su tutto, un filo di perle sta su tutto, il prezzemolo sta su tutto e persino il prosciutto sta su tutto… o quasi.

Il prosciutto sta bene sul pane, attorno a un grissino, tra le lasagne, sul gateau di patate…

Solo su due cose non sta bene: sul profitterol e sul culo. Ma se a nessun cuoco pervertito è ancora venuto in mente di appoggiare fettine di prosciutto su di un bel profitterol, a un pubblicitario feticista è venuta la fantasia di appoggiarlo su di un culo.

Un bel culo, per carità, ma pur sempre un culo.

E’ accaduto qualche giorno fa al porto turistico di Capri, quando su di un cartellone pubblicitario è apparso un nudo femminile con delle fettine di prosciutto appoggiate colà dove non batte il sole.

La consigliera comunale Anita De Pascale ha chiesto al sindaco l’immediata rimozione dell’obbrobrio perché lesivo della dignità femminile. Pur sostenendo il pensiero della consigliera, io allargherei un po’ il perimetro delle offese. Una pubblicità con delle fette di prosciutto sulle chiappe non offende solo le donne ma il buon senso in generale e, soprattutto, l’intelligenza del potenziale consumatore. Per non parlare dei salumieri di Capri, loro sì che avrebbero dovuto insorgere! Probabilmente in quei giorni il consumo di prosciutto è crollato vertiginosamente a. D’altronde a chi può venire voglia di mangiare qualcosa che è stato sulle natiche di qualcuno?131258445-501f1386-ceb4-4df0-a2d6-2753ebe96079

La pasta d’olive mi piace un sacco e le girelle sono il mio pane quotidiano ma non mi verrebbe voglia di nessuna delle due, se le vedessi l’una sopra l’altra. E lo stesso vale per culi e prosciutto! Un culo da solo può essere attraente, una fetta di prosciutto anche ma mettendoli insieme… Che disgustosa aberrazione!

E glissiamo sul sagace gioco di parole I HAM (io prosciutto), roba che neanche il regista erotico Bigas Luna in Jamon Jamon avrebbe osato!

Signor Bigas Luna, lei magari si è sentito molto trasgressivo quando ha fatto dire al protagonista del suo film che le tette della sua donna sapevano di prosciutto ma, in confronto a quel che si fa qua da noi, la sua pellicola è un cartone animato per la prima infanzia.

Jamon Jamon Bigas Luna

Jamon Jamon Bigas Luna

Tanto valeva sagomare la fetta di prosciutto a forma di tanga e creare un nuovo tipo di mutandina commestibile.

Ammetto di aver sempre guardato con un certo disprezzo la biancheria commestibile ma, dopo questa esperienza, sono costretta a ricredermi.

Anzi, quasi quasi, ora mi metto ai fornelli e ne realizzo qualcuna da regalare alle mie amiche per Natale.

Ho trovato un video su youtube che spiega come realizzare mutande dolci. Date un’occhiata, se non altro vi leverete dalla testa il raccapricciante sentore di natiche e prosciutto.

Seguici su facebook

seguici su Facebook

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: