Patataridens

Il blog della comicità al femminile

Mind the (thingh) gap

Finché andavano di moda i seni giganti, prima di ricorrere al bisturi si poteva barare con un bel push up extra imbottito modello permaflex.

Quando, dopo anni di pinzette e crudeli sfoltimenti, hanno cominciato a fare tendenza le sopracciglia cespugliose stile pastore sardo, ci è bastato ricorrere a una matita per gli occhi o, per le più fissate, a una costosa ma non certo invasiva operazione di extention.

Ora però le mode stanno proponendo canoni estetici da extraterresti: clavicole sporgenti, vitini da vespa e scapole alate!

E come le convinco le mie scapole a metter le ali?

thing gapL’ultima trovata estetica che arriva dagli USA poi, è un vero attacco al buon senso!

Attente ragazze, sta arrivando la mania del thigh-gap, ovvero l’enfatizzazione dello spazio che appare tra le cosce, quando le gambe sono unite.

Voi ce l’avete il thingh gap?

Be’, se volete procurarvene uno sappiate che dovrete affrontare estenuanti allenamenti che mirano al rimpicciolimento del muscolo della coscia e, qualora questa tortura non dovesse essere sufficiente, sarà necessario associare agli esercizi ginnici una dieta da terzo mondo e puzzolenti tisane lassative (bleah!).

E qualora tanto autolesionismo non dovesse bastare? In tal caso dovrete arrendervi al “caro” vecchio bisturi e farvi affettare una fetta di cosciotto.

Lasciate perdere, stelline!

I medici avvertono che il “gap”è riscontrabile solo negli individui dotati di una determinata morfologia scheletrica per cui, se non avete uno scheletro alla moda, lo sfondarvi di esercizi fisici e pozioni lassative potrà solo condurvi a risultati estetici disarmonici e – guarda un po’ la novità – a gravi conseguenze per la salute.Thing up

Insomma, non è che dobbiamo fare proprio tutte le stupidate che ci propinano sulle foto di moda nelle quali, per altro, photosghop la fa da padrone!

Datemi retta, come dicono nelle metropolitane londinesi: MIND THE GAP!

Seguici su facebook
seguici su Facebook
Advertisements

2 comments on “Mind the (thingh) gap

  1. Gine di Girati
    December 6, 2013

    … che si taglia con un grissino!

    Ecco quelle gambette a stecchetto le userei solo per quello, per tagliare il tonno!
    Capisco il gap, lo spazio, che non ti vada a fuoco l’interno coscia durante il jogging, che eviteremmo quella sensazione di collosità da Super HU durante l’estate, la carne tremula della coscia che balla cheek to cheek con quell’altra, però ” parbleu” lasciate che la carne venga a me, piuttosto una calza 2.000 denari anche d’estate e di due taglie in meno!

    • Desy
      December 6, 2013

      La carne, come l’alcol, è ottima con moderazione 🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: