Patataridens

Il blog della comicità al femminile

Donne, guardatevi dagli “uomini col borsello” – l’upskirt approda anche in Italia

Nel 1992 Elio e le Storie Tese incisero la canzone “Uomini col borsello”, una demenziale e divertente metafora sulla solitudine maschile. Più di vent’anni dopo tornano gli uomini con borsello, ma di ben diversa natura. Forse sono ancora soggetti che soffrono terribilmente la solitudine, ma certo sono meno ingenui e innocui di quelli cantati da Elio negli anni ’90.
Gli odierni “uomini col borsello” sono infatti equipaggiati anche di telecamera – in genere quella di un telefonino – e grazie a questa sofisticata dotazione, praticano la moderna, quanto deprecabile arte dell’upskirt. link-per-facebook_370
Cos’è l’upskirt? Dipende dai punti di vista: Wikipedia lo definisce un neologismo di lingua inglese; le forze dell’ordine di buona parte del globo lo considerano una molestia a sfondo sessuale e io, nonché la restante popolazione mondiale femminile, la riteniamo una porcata high tech.
Per dirla in parole semplici, l’upskirt è l’evoluzione 2.0 dell’atavica mania che in genere hanno i maschietti di tirar su la gonnellina alle femminucce. Ma qui non stiamo parlando di marachelle infantili, bensì di uomini adulti (almeno dal punto di vista anagrafico), che grazie a una telecamera camuffata in un borsello, filmano le mutandine al di sotto delle sottane delle donne.
La moda dell’upskirt, grazie alla diffusione dei video su siti web, blog tematici, social network e youtube si è diffusa un po’ in tutto il mondo e, ovviamente, anche noi italiani, quando si tratta di nefandezze, non rimaniamo certo indietro. 20130509_cartellone_pubblicitario
Pochi giorni fa, infatti, le forze dell’ordine italiane hanno fermato un upskirter nostrano.
È successo il 10 luglio a Roma, nella metropolitana Policlinico, a seguito della denuncia di una ragazza che aveva notato le strane manovre di un trentatréenne borsello-munito.
Come avverte wikipedia, il fenomeno dello skirtup può avere “ripercussioni legali nei paesi in cui questa tecnica di ripresa non è consentita”.
Perché? Esistono paesi nei quali si possono impunemente filmare le grazie femminili da sotto gli orli delle gonne? Be’ allora forniamo l’elenco di questi porti franchi agli upskirter, affinché possano migrarvi come rondini.
Meglio che a quel paese ci vadano da soli, prima che ce li si mandi noi a borsettate.
Se loro possono nascondere le telecamere nei borselli, nulla ci impedisce di riporre pesanti mattoni nelle nostre borsette da difesa.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on July 21, 2014 by in Agrodolci.
%d bloggers like this: