Patataridens

Il blog della comicità al femminile

Le amiche con cui NON andare in ferie – la Griffatissima

Luglio è agli sgoccioli e lo sono anche i nervi di molte single, o almeno di quelle single che non hanno ancora trovato uno straccio di amica con cui andare in ferie. Come vi ho ripetuto sino alla nausea, care aspiranti viaggiatrici, fate molta attenzione a non incappare in una sabotatrice. Le sabotatrici sono ragazze simpatiche e accomodanti che appena giunte alla destinazione delle vostre vacanze, mostreranno il loro lato oscuro rivelandosi un grumo di manie e nevrosi. La sabotatrice della quale vi parlerò oggi, potrebbe proporvi un bel giretto in auto per l’Italia. Be’ perché no? In fondo poche nazioni hanno una grande varietà di attrazioni turistiche come l’Italia: spiagge, montagne, città d’arte, outlet… rtc
Sì, ho detto proprio outlet, ovvero la meta segreta ma irrinunciabile della “Griffatissima”. Se la vostra collega carina, quella sempre vestita a puntino, con un’aria tanto docile e al contempo brillante vi propone uno strano itinerario che prevede tappe in Monferrato, Franciacorta e Aiello del Friuli, forse non intende farvi fare un bel giro enogastronomico ma bensì una sfiancante maratona agli outlet di Vicolungo, Serravalle e Palmanova. La Griffatissima non vi espliciterà le sue intenzioni, forse nemmeno le ha confessate a se stessa, al massimo vi accennerà che sulla strada (ma sulla strada per dove?) potreste trovare – guarda un po’ il caso – un outlet nel quale, volendo, potreste farvi un giretto.
Be’ sappiate che la Griffatissima non considera gli outlet come il mero corollario di un viaggio, bensì come la meta principale. Voi dite: “Perché non andiamo a Venezia?” Lei traduce: “Perché non andiamo a Noventa di Piave?”.
“E se facessimo un giro a Roma?” e il suo griffato cervello tradurrà: “Valmontone Fashion District”.
“Ok” pensate voi, “mentre la Griffatissima gira per griffatissime occasioni, io posso sempre visitare centri storici e musei”.
Quanta ingenuità! Gli outlet si trovano sempre un bel po’ fuori dalle città e in genere, ad almeno dieci km dal primo centro abitato. L’unica alternativa al girare per negozi con la Griffatissima, sarà di presidiare un cocente parcheggio o di sbocconcellare un panino in uno dei bar dell’outlet; altro che tour eno-gastronomico! Tra l’altro, se una cintura griffata in un outlet costa il 50% in meno, un panino stoppaccioso e non certo griffato vi costerà il 50% in più del suo valore di mercato.
Inoltre la Griffatissima vi costringerà a impossibili levatacce mattutine perché gli affari migliori, come i pesci, si pescano di prima mattina, non appena l’outlet tira su la serranda. Non avendo alternative, finirete per seguire la Griffatissima nelle sue razzie griffatorie finché, in men che non si dica – complice la noia, i neon e l’aria condizionata a meno dieci gradi che vi surgela le sinapsi – sarete colte da un griffato raptus che vi costringerà a spendere una migliaiata abbondante di euro per dei capi di abbigliamento, con firme che nemmeno avevate mai sentito nominare. “Pazienza’” cercherete di consolarvi, “almeno ho comprato per ‘soli’ quattrocento euro una borsa che ne costava quasi mille!”.
Peccato che fuori dall’outlet, quando i quaranta gradi del parcheggio vi riporteranno alla realtà, realizzerete di non aver mai desiderato una borsa da mille né tantomeno da quattrocento euro e che, anzi, ora che possedete una borsa da miliardarie, non vi avanza nemmeno uno spicciolo da infilarci dentro.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: