Patataridens

Il blog della comicità al femminile

Sono finiti i tempi del bikini, oggi la Barbie indossa l’hijab

L’hijab, il velo che indossano le donne islamiche, è un simbolo di identità religiosa e culturale, ma non soltanto.

L’hijab è infatti uno “strumento di bellezza” che incornicia l’ovale del viso ammorbidendone i tratti, e facendo risaltare lo sguardo. Ne parlava addirittura Marco Polo nel suo Milione, di quanto apparissero affascinanti le donne velate. Se il velo è un accessorio elegante, certo la Barbie non poteva farselo mancare, e a colmare questa lacuna del suo guardaroba ci ha pensato una studentessa nigeriana appassionata di moda, Haneefah Adam, che ha rivestito la celeberrima bambola americana con abiti della tradizione mussulmana. La studentessa ventiquattrenne, dopo aver realizzato i modelli, li ha postati sul suo profilo instagram, facendo diventare le sue “Hijarbie” un fenomeno virale.

In realtà quello di Haneefah non è il primo tentativo di “velare” la Barbie; in Egitto, per esempio, è stata commercializzata Fulla, una bambola molto simile alla cugina californiana, salvo per il colore degli occhi e dei capelli (ma questo possiamo solo immaginarlo, visto che il velo li nasconde).22doll650.1

Al contrario degli abiti di Fulla, i modelli di Haneefah non infagottano la bambola ma, anzi, le conferiscono una bellezza raffinata ed esotica. La Mattel quest’anno ha lanciato una collezione di bambole caratterizzate dalla eterogeneità etnica e fisica: bambole asiatiche, afroamericane, caucasiche, basse, spilungone o cicciottelle; queste ultime definite curvy,, pare infatti che oggi i chili di troppo siano diventati politicamente scorretti, e prima o poi noi taglie forti saremo costrette a sentirci chiamare “diversamente magre”.
Nonostante questa larghezza di vedute, la Mattel non ha osato proporre una Barbie in abiti della tradizione religiosa. Chissà, forse seguendo l’esempio della fantasiosa studentessa nigeriana, il prossimo anno la Mattel potrebbe realizzare una Barbie in versione amish, certo, in quel caso il suo guardaroba non risulterebbe altrettanto vario e variopinto.

amish-barbie

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: