Patataridens

Il blog della comicità al femminile

I Pokemon e la selezione naturale

Ci sono scrittori – beati loro – che per trovare l’ispirazione visitano paesi lontani, e ce ne sono altri – come la sottoscritta – che devono arrangiarsi a km zero.

Esiste tuttavia un luogo che, seppur non esotico, offre infiniti spunti per la scrittura, specie per quella comica: il tram.

Sul tram se ne vedono e sentono “di ogni”, e l’altro giorno ho assistito a una scena davvero singolare.

Un uomo, età apparente trentotto quarant’anni, reggeva con una mano la borsa del pc e con l’altra lo smartphone.

Giunti a una fermata l’uomo ha iniziato a muovere il telefono a mo’ di rabdomante.
Apparentemente sembrava che stesse scattando una foto al paesaggio, che però si limitava a una pensilina e al cestino dei rifiuti. Il tram, dopo aver caricato nuovi passeggeri, è ripartito e l’uomo, ancora intento nelle sue operazioni di rabdomanzia, ha barcollato per poi rovinare a terra come un birillo. Alcuni passeggeri gentili l’hanno aiutato a rialzarsi e lui ha ritenuto opportuno spiegare il motivo della caduta: stava cercando di catturare un Pokemon. Ora, nulla da ridere sui Pokemon né sulla App per catturarli, ma faceva un caldo cambogiano e, al posto suo, mi sarei inventata un plausibilissimo mancamento. L’eroico cacciatore quarantenne ha invece preferito essere sincero e coerente con se stesso, il che me l’ha fatto quasi ammirare. Nei giorni seguenti ho sentito di altri incidenti da Pokemon: un ragazzo caduto dalla bici, un automobilista finito contro un’auto della polizia e mezza dozzina di cadute assortite. La caccia, si sa, ha i suoi rischi ed è un’attività per veri uomini (e vere donne, ovviamente).

Ho iniziato a confrontarmi con la gente su questo argomento e la mia web master mi ha esposto la sua teoria: selezione naturale.

Una volta le persone erano esposte a malattie, guerre e decine di altre sfighe e solo i più forti e scaltri sopravvivevano. Oggi, in mancanza di pandemie, la selezione naturale è demandata ai Pokemon. Soltanto i cacciatori più esperti e accorti riescono a evitare di prendere un palo della luce in pieno muso, o di rotolare a terra nel bel mezzo di un incrocio.

Teorie a parte mi sono chiesta a che cosa possa servire la caccia ai Pokemon. Quali risvolti commerciali nasconde questo delirio collettivo, al quale ammetto di non essere del tutto estranea? Be’ oltre agli spot inseriti nel gioco, la nuova frontiera pubblicitaria è l’acquisto di Pokemon rari. Gli esercizi commerciali potranno infatti far localizzare Pokemon rari nel loro negozio, e chi vorrà cacciarli dovrà recarsi in loco. Quindi se vuoi cacciare il Pokemon infrattato in un ristorante, prima caccia i soldi per cenare.

IMG_0991

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: