Patataridens

Il blog della comicità al femminile

Il pilates non l’avevo considerato: cambiar per rimanere se stesse

Qualche settimana fa vi ho parlato della collana di ebook Youfeel (Rizzoli) e, in particolare, della sezione dedicata all’ironia; oggi vi racconterò invece di come l’ho “collaudata” leggendo il romanzo Il pilates non l’avevo considerato, scritto da Michela Rosa.

Collaudo riuscito: la storia è piacevole e la scrittura è  di buona qualità, cosa purtroppo non così scontata quando si parla di ebook.

Daria, la protagonista della vicenda, è una libraia romana fidanzata con un avvocatino di belle speranze, che la costringe a presenziare ai noiosi party di Ilenia, la moglie del suo capo. Ovviamente se la protagonista è intelligente, autoironica e un po’ impacciata – tutte caratteristiche che ce la rendono simpatica – Ilenia è presuntuosa, snob e disgustosamente ricca. 41mv1mjc9klTutto molto tipico, salvo il fatto che l’autrice “umanizza” la sua protagonista affibbiandole un grande difetto: se Ilenia è una snob in senso stretto, Daria è affetta dal più raffinato, ma non certo meno scusabile, snobbismo culturale. Ilenia giudica le persone da quello che indossano, Daria da ciò che leggono, ed entrambi questi modi di pensare finiranno per alterare la loro capacità di giudizio. Daria non dovrà sopportare a lungo l’ antagonista, visto che la sua relazione col bell’avvocato colerà a picco proprio durante una delle pretenziose feste a cui lui la costringe.

La protagonista, come spesso capita nei chick-lit, si ritroverà sola e con tanta voglia di rivalsa e, per riconquistare il suo ex, si sottoporrà a un lungo e faticoso processo di trasformazione atto a tramutarla in una donna affascinante, sofisticata e brillante, ovvero una copia di Ilenia.

Il processo di trasformazione, pieno di divertenti imprevisti e rocamboleschi capitomboli, la porterà infine a comprendere che ciò che desidera davvero non è essere la brillante moglie di un avvocato di successo, bensì la persona semplice e simpatica che è sempre stata; magari con un pizzico di autostima in più e qualche chilo in meno.

Soltanto la vera Daria, infatti, potrà essere in grado di riconoscere il vero amore che, come talvolta accade, è lì a portata di mano.

In conclusione, Il pilates non l’avevo considerato è un romanzo fresco, leggero e divertente, adattissimo a rallegrare un pomeriggio uggioso o a raddrizzare una giornata storta.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: