Patataridens

Il blog della comicità al femminile

Teatro: tutti i maschi lo fanno… Ma che cosa?

Tutti i maschi lo fanno, è un dato di fatto, ma anche molte donne lo fanno, io per esempio lo faccio in maniera roboante, tanto che delle volte mi do fastidio da sola.

Sciogliamo l’arcano, sto parlando del russare, umano difetto al quale la scrittrice Flavia Borelli ha dedicato una commedia dall’umorismo surreale.

Sì può fare umorismo surreale su una ronfata? Be’ dipende da che ronfata, anche in quest’ambito esistono le eccellenze, e in quanto a russare Leopoldo, protagonista invisibile della commedia, è un maestro alla stregua di  Paganini, e proprio come lui suona il violino, ma solo quando non russa, ovviamente.

Violino-su-spartiti

Ma procediamo con ordine.

In scena una scrittrice tenta di portare a termine una storia, che per contratto deve essere d’amore. Il momento non potrebbe essere più sbagliato, visto che il suo uomo, Vincenzo, l’ha appena mollata. A ostacolare ulteriormente il fluire creativo, ci si mette l’insostenibile russare del vicino di casa, accompagnato dalle vibranti proteste della moglie. Quando il blocco dello scrittore sembra ormai inevitabile, ecco comparire sulla scena la protagonista del racconto che, come in Sei personaggi in cerca d’autore, inizia a battibeccare con l’autrice per delineare la sua storia. Dopo lunghe e divertenti contrattazioni, la traccia narrativa è la seguente: Margherita incontra Leopoldo, non Vincenzo come avrebbe voluto l’autrice in memoria del suo perduto amore, a una cena tra amici. Entrambi ultra quarantenni, lei docente di russo, lui violinista alla filarmonica, intrecciano immediatamente una storia d’amore perché, diciamocelo, con gli anni che si ritrovano sulla groppa, i corteggiamenti lunghi potrebbero risultare fuori luogo. Ci sarebbero tutti i presupposti per una grande storia d’amore,  se non fosse per il fatto che Leopoldo russa in maniera insopportabile. La storia procede raccontata dalla protagonista, spesso interrotta, corretta e sviata dall’autrice, sino a giungere a un epilogo tragicomico. Fuori scena, intanto, si consuma un altro dramma, quello dei vicini di casa Ettore e Pierina, il cui matrimonio è minato dal medesimo problema.

Tutti i maschi lo fanno è una commedia divertente e di facile messa in scena, soltanto due interpreti, scenografia minimale e qualche effetto sonoro per le voci fuori campo.

Sarei curiosa di vederla rappresentata e spero che magari, proprio in questo momento, due attrici stiano leggendo questo post e vogliano provare a cimentarsi. Chi volesse leggere il copione completo, può inviare una email all’autrice, a questo indirizzo: flaviaborelli@hotmail.com

 

L’autrice: Flavia Borelli avrebbe dovuto fare l’avvocato a Firenze, invece decise di fare l’attrice a Roma. Diventata in seguito regista radiofonica e televisiva ha lavorato lunghi anni in RAI, senza mai smettere di scrivere per proprio conto: sceneggiature, testi teatrali, racconti. Ama la coerenza, la musica, gli autori tedeschi, i film francesi, i ristoranti sul mare e i gatti.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: