Patataridens

Il blog della comicità al femminile

Cronache dal quartiere galleggiante: la comicità racconta il dramma

Conoscete Marassi?

No, non sto parlando dello stadio.

E nemmeno del carcere…

Intendo il quartiere di Genova!

Sì, proprio quello che si allaga sempre!

Ogni qual volta incomincia a piovere, gli abitanti di Marassi non si rammaricano soltanto di avere appena lavato l’auto, o di perdere i soldi dell’affitto del campo da calcetto, bensì temono per le loro case e – inutile negarlo – per la loro stessa incolumità.

Alluvione-Genova-situazione-dopo-lesondazione

Con una frequenza ormai intollerabile, Marassi si allaga e l’acqua porta via case, negozi e talvolta anche persone.

Perché vi parlo di una tragedia in un blog dedicato alla comicità femminile?

Semplicemente perché se ridere delle disgrazie altrui è sbagliato, ridere delle proprie alleggerisce lo spirito e aiuta a portare alla luce problemi seri in maniera più efficace che non parlandone con toni indignati e polemici.

Questo è quanto accade in “Cronache dal quartiere galleggiante” di Elisabetta Violani (Giovannelli edizioni), un’autrice genovese che racconta il suo quartiere in un memoriale brioso e ironico.

Avete presente Marassi?

È un guazzabuglio di stradicciole, muraglioni, casette e palazzi che sembrano spuntati in maniera casuale (e probabilmente è proprio così).

Marassi ha il fascino di certi cagnolini esotici dalle enormi orecchie, le zampe corte e il musetto sorcino che risultano belli, nonostante secondo i comuni canoni estetici non dovrebbero esserlo.

1200px-Genova_panorama_Marassi_da_mura_S._Bartolomeo

Scenario del racconto è un condominio di dieci piani, che domina una valle che sembra  “un’incrocio fra un presepe e un incubo notturno”.

I protagonisti sono quattro condomini che cercano disperatamente di salvaguardare la propria casa, nonostante abbia qualche crepa e non sia esattamente uno di quegli edifici che l’Unesco potrebbe insignire del titolo di “patrimonio dell’umanità”.

copertinaAbbiamo una giovane mamma (che poi è la voce narrante), un bisnonno saggio, un amico immortale (leggete e capirete), un ragazzo grande e grosso (ma senza terrazzino!) che, come una gilda da libro fantasy, affrontano imprese grandi e piccole: il simpaticone nostalgico che nottetempo disegna svastiche lungo le scale, un vecchietto che alle assemblee di condomino vota sempre contro qualunque proposta, un muraglione di contenimento che dopo un’alluvione rischia di franare travolgendo cose e persone.

Cronache dal quartiere galleggiante” è un libretto agile e scorrevole che vi permetterà di vedere “dal di dentro” il dramma di un quartiere, ma con disincantata ironia e, per vostra fortuna, senza bagnarvi i piedi.

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: