Patataridens

Il blog della comicità al femminile

Col distanziamento sociale aumentano le vendite di sex doll… anche per le signore!

“Perché l’hai lasciato? Cos’aveva che non ti  andava bene?”

“Mamma, non mi va di parlarne…”

“Quanti bravi ragazzi mollerai, prima di renderti conto che l’uomo come te lo immagini, quello perfetto, non  esiste? Cosa vuoi, un fidanzato su misura da ordinare a catalogo?”

Questo è un discorso che tante donne si sono sentite fare dalle loro madri (la mia non ne ha mai avuto occasione, perché a me mollavano sempre).

Quelle madri, seppur pedanti, non  hanno però tutti i torti.

Esistono infatti due tipologie di  donne (tre, includendo quelle che, come me, si fanno sempre scaricare):

  1. le donne che non vedono i difetti dei loro uomini, anche quando sono macroscopici;
  2.  le donne che i difetti li vanno a cercare col lanternino e, quando  non li trovano, li inventano.

La più bislacca che abbia mai sentito?

“L’ho lasciato perché pensava ancora alla sua ex!”

“La nominava spesso, magari facendo paragoni tra lei e te?”

“No!”

“La vedeva o sentiva di nascosto?”

“No!”

“La pedinava al supermercato, invocava il suo nome nel sonno, che cavolo faceva?”

“Niente, ma io me lo sentivo che lui la pensava ancora!”

Ah be’, se te lo sentivi…

Non tutte le motivazioni delle mollatrici seriali sono tuttavia campate in aria, alcuni dei difetti che  imputano ai loro compagni sono reali e molto fastidiosi:

 “Io venivo all’ultimo posto: dopo sua madre, il lavoro e gli amici del calcetto!

 “Arrivava sempre in ritardo, in qualunque occasione, e io lo dovevo aspettare per ore come una cretina!

Usciva e non mi diceva dove andava né con chi!

Faceva il cascamorto con tutte…

Ragioni abbastanza valide, ma per tornare al discorso della mamma: nessuno è perfetto e gli uomini non possiamo farli fare su misura!

O forse sì?

Negli ultimi tempi, anche a causa del distanziamento sociale che ha impedito alle persone di incontrarsi, piacersi e amarsi, la domanda di sex doll si è moltiplicata e alcune aziende si stanno specializzando in real doll maschi, ovvero bamboloni robot iper realistici progettati non soltanto per il sesso, ma anche per venire incontro a esigenze femminili di tipo più emotivo.

Investendo qualche migliaio di euro avrete finalmente un uomo su misura che:

  • non penserà alle sue ex (diciamo pure che non penserà affatto);
  • sarà sempre puntuale (ci mancherebbe: non ha niente da fare!);
  • non  metterà mai le vostre esigenze dopo quelle di sua madre (anche perché sua madre è una stampante 3d);
  • non vi tradirà (salvo, forse, qualche platonico flirt con Alexa);
  • ascolterà tutti i vostri problemi, e  se i suoi consigli non vi convinceranno potrete sempre aggiornarli utilizzando l’apposita app.
  • non sarà un eterno bambinone, ma maturerà col tempo e l’esperienza: basterà scaricare gli upgrade.

Tutto perfetto, dunque?

Be’, più o meno.

Potrete anche programmare il vostro real doll per ricordarsi del vostro compleanno, ma scordatevi che vi porti dei fiori o vi scriva un bigliettino.

E poi, soprattutto, chi porterà  le bottiglie d’acqua su per le scale?

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on January 21, 2021 by in Agrodolci and tagged , , , , , .
%d bloggers like this: