Patataridens

Il blog della comicità al femminile

L’aperitivo è tornato (ma io non lo volevo!)

Eccoci qua, tutte schierate col manto ben strigliato e gli zoccoli lucidi, scalpitanti come puledre ai cancelli di partenza!

Zona bianca: riparte la pazza cavalcata dello svago notturno!

Tutte al galoppo!

Ricominciano gli apertiti, le cene fuori, il bighellonare brade e felici da un pascolo… Pardon, da un locale all’altro!

Non bisogna più tenere d’occhio l’orologio, ingollare l’ultima fetta di pizza entro le 19.47 di modo da  arrivare al cocktail bar alle 20.12, per poi spassarsela ben 35 minuti senza  neppure avere il tempo di sbronzarsi un pochettino, giusto quel tanto che basta per rendere la conversazione più sciolta e piccante.

Ora però quei tempi bui (e sobri) sono finiti, la notte è di nuovo giovane!

…sono io a non esserlo più da un pezzo!

Fino agli inizi del 2020 ero come una purosangue a fine carriera, non al massimo della forma, ovviamente, ma ancora in grado di sostenere con elegante disinvoltura il ritmo della corsa, ora invece….

Se avessi ripreso gradualmente, prima al passo, poi al trotto e infine al galoppo, tirando tardi una, poi due e infine tutte le sere della settimana, probabilmente l’esperienza sarebbe stata meno traumatica; purtroppo, però, tutti gli impegni che non ho potuto onorare nel corso degli ultimi mesi, sono riapparsi contemporaneamente in forma di messaggi Whats App: decine di compleanni da recuperare, addii a nubilato ai quali le spose non intendono rinunciare nonostante abbiano già festeggiato il primo anniversario e partorito due gemelli; e poi cene con i colleghi d’ufficio, col gruppo dello yoga e con quello di lettura…

Mi duole ammetterlo, ma alla fin fine mi ero abituata allo stare a casa andando a dormire al calar del sole, dopo essermi lamentata tra me e me, oppure con  le amiche su zoom, del non poter uscire.

A volte non avere una scelta è di gran conforto: “Non esco perché l’ha detto Draghi, e non perché  io sia ormai una vecchia ragazzona sonnolenta, che ha sostituito i tacchi alti con le pantofole e il Long Island con le tisane drenanti!”.

E a proposito di bevande, dopo un anno e mezzo di clausura ho scoperto di non reggere più l’alcol.

L’altra sera  ho bevuto un gin tonic e mi sono addormentata riversa sul tavolo; così la sera  successiva ho  preso una coca zero millantando di essere a dieta e… mi sono addormentata comunque sul tavolo.

I tavoli dei locali, dopo i vari lockdown, sembrano essersi fatti assai più confortevoli!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on June 17, 2021 by in Agrodolci and tagged , , , , , .
%d bloggers like this: