Patataridens

Il blog della comicità al femminile

Le amiche con cui non andare in ferie – la scroccona

Siamo già a metà luglio, care amiche, il tempo stringe! Avete già individuato  qualche amica con la quale trascorrere le vacanze? Se state ancora facendo la selezione, attente a non incappare in una sabotatrice.

Le sabotatrici, come vi ripeto ormai dalla lontana estate del 2013, sono ragazze affabili e alla mano finché restano a casa loro, ma che appena si mettono in viaggio rivelano la loro natura di pazze, psicotiche, ossessive o semplicemente di str*nz*.

Ed è proprio questo il caso della Scroccona.

La Scroccona in città ha l’aria di una personcina molto ragionevole e morigerata. Non è incline agli eccessi e durante l’organizzazione delle vacanze,  saprà proporvi idee all’insegna della praticità e del risparmio: “Se fossimo in due sarebbe più conveniente il treno, ma visto che saremo in quattro allora con l’automobile si risparmia; specie prendendo la mia che è GPL!”.

Il trucco della scroccona è partire con poco carburante, così da dover fare subito il pieno. Ovviamente, poiché l’auto è sua, le altre viaggiatrici si offriranno di pagare il carburante.

Le piccole spese sono la specialità della Scroccona: al bar  della spiaggia, dal giornalaio o in gelateria la Scroccona farà sempre in modo di  aver dimenticato il portafogli. Lo simulerà con tale grazia e naturalezza che voi direte: “Oh, ma lascia, faccio io!”, e non vi accorgerete di nulla sino al termina della vacanza… o dei vostri soldi.

In spiaggia la Scroccona non vorrà noleggiare la sdraio sostenendo che l’asciugamano le è più congeniale, che è più comodo e la fa sentire libera e a contatto con la natura. Appena una di voi si alzerà per fare il bagno o una passeggiata, lei fregherà la sdraio libera: “Ti ho preso il posto, scusa!”, farà il gesto d’alzarsi appena la legittima affittuaria della sdraio sarà tornata.

“Ma no, stai pure, figurati!”.

Così quella rimasta in piedi si siederà al posto della prossima che si allontanerà e quest’ultima, una volta di ritorno farà la stessa cosa. Le vostre giornate in spiaggia si trasformeranno così nel caro e vecchio “gioco della sedia”, dove chi non si sbriga resta in piedi.

La crema solare lei non la compra per principio, non ne ha bisogno, sostiene; però poi si arrosserà come un gamberone e finirete per prestarle le vostre che lei mungerà senza ritegno. Lo stesso vale per l’Autan che non acquista perché tanto le zanzare non la pungono. Quando però inizierà a schiaffeggiarsi da sola come un ballerino tirolese, sarete costrette a nebulizzarla di spray per porre fine al patetico balletto.

L’ambiente naturale della Scroccona, quello  dove meglio esprima la sua scrocconeria, è il ristorante: mai pagare alla romana, altrimenti ordinerà l’intero menù e al momento di dividere il conto scoprirete che la pizza margherita vi è costata settantun euro. Se invece ognuna paga quel che ordina, allora lei prenderà la cosa più economica, visto che combinazione quella sera non ha fame, ma con la scusa di assaggiare, piluccherà tutta la sera dai vostri piatti.

Il capolavoro supremo della Scroccona è tuttavia il viaggio di ritorno: il carburante  scarseggerà poco prima dell’arrivo e si fermerà a fare il pieno che , ovviamente, non pagherà visto che lei ha fornito il veicolo. La scroccona riuscirà così a partire in riserva e a tornare col serbatoio pieno.

Possibili soluzioni?

Soltanto tre parole: vacanze all inclusive!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: